Corpo a Corpo di Mario Brenta e Karine De Villers al Nuovo Cinema Aquila

Il 19, 20 e 21 aprile (21.30) Corpo a Corpo in programmazione al Nuovo Cinema Aquila di Roma

Blue Film e Nuovo Cinema Aquila sono felici di presentare al pubblico romano Corpo a Corpo, di Mario Brenta e Karine de Villers, un documentario dedicato al teatro di Pippo Delbono prodotto da ImageCreation.com in collaborazione con Apapaja Srl e WIP (Wallonic Image Production). Il film ha già avuto 45 giorni di distribuzione in Belgio ed è stato presentato in numerosi festival internazionali tra cui Biennale di Venezia - Venice Film Meeting, Milano Film Festival, Festival di Valladolid, Festival cinéma italien d'Annecy, Rencontres semaine asymétrique de Marseille, Festival du film italien de Villerupt, Med Film Festival di Roma. Il film ha vinto il Grand Prix de Vojtech Jasny come Miglior Documentario al Festival Arts & Film di Praga.

 

Mario Brenta, regista di film come Vermisat (1974), Maicol (1988) e Barnabo delle montagne (1994), selezionati e premiati ai Festival di Cannes e Venezia, sarà presente alla proiezioni del 19 aprile alle 21.30 per introdurre il film. Con lui interverranno gli interpreti Mario Intruglio e Grazia Spinella. Interverrà anche Pippo Delbono in collegamento Skype. 

 

Dalla scena allo schermo non c’è che lo spessore di una tela. Ma su questa tela bianca molteplici universi s’intrecciano e si giustappongono dando vita ad uno spettacolo cinematografico autonomo, a sé stante che trae origine, senza bisogno di un testo scritto, dalle improvvisazioni degli attori durante le prove di Orchidee di Pippo Delbono - le orchidee, questi fiori nello stesso tempo veri e falsi, come la nostra epoca d’altronde. Ed è attraverso il corpo di questi attori dal fisico e dal carattere singolare che il film tocca l’emozione. Nudo, arrampicato su dei tacchi a spillo, mezzo-uomo mezza-donna, il corpo diviene l’oggetto di uno sguardo che scava nel profondo dell’immaginazione e del desiderio…

 

“Il film inizia là dove il teatro finisce”, dicono gli autori del documentario girato durante le prove di Orchidee di Pippo Delbono, uno spettacolo ancora in tournée in tutta Europa, co-prodotto da alcuni dei più importanti Teatri Stabili italiani (ERT, Teatro di Roma) e dai francesi Théâtre du Rond Point-Parigi, Maison de la Culture d’Amiens. Un progetto in cui “l’invenzione cinematografica procede di pari passo con l’invenzione teatrale e ne condivide i medesimi rischi, in una sorta di viaggio incontro all’ignoto dove nulla è previsto e nemmeno è prevedibile”.

A Mario Brenta sarà inoltre dedicata i prossimi 18 e 19 aprile anche una retrospettiva dal titolo “Tre pezzi unici - Il cinema di Mario Brenta” presso il Cinema Trevi - Cineteca nazionale a cura del Centro Sperimentale di Cinematografia.

Conferma la tua presenza su Facebook

Video

Ultima modifica ilMercoledì, 09 Marzo 2016 16:23
  • Vota questo articolo
    (0 Voti)
  • Pubblicato in Eventi
  • Letto 1477 volte
Giacomo Lamborizio

Giacomo Lamborizio (1987), giornalista pubblicista, è laureato in Cultura Editoriale presso la Statale di Milano. Nel 2007 è tra i fondatori di Paper Street, rivista online di informazione culturale di cui attualmente è Vice direttore e responsabile della sezione cinema. Ha lavorato a produzioni di cortometraggi e videoclip indipendenti, collaborato con Editrice il Castoro, scritto per il blog Biennale Theatre Community della Biennale di Venezia. Ha curato, con Lucio Laugelli, il volume "100 registi per cui vale la pena vivere", in corso di pubblicazione presso Falsopiano. Collabora con Blue Film dall'ottobre 2014.

Sito web: https://twitter.com/g_lamborizio

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

Latest News

Twitter